Tubi fluorescenti

 
 
 
 
 
 
L’azienda Brugnano è incaricata dal consorzio ECOLIGHT per il recupero e la raccolta di lampade a scarica e tubi fluorescenti. Questa tipologia di rifiuti rientra nella categoria denominata RAEE, acronimo di “Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche”, che comprende sorgenti luminose a risparmio energetico, neon e tutti i rifiuti derivanti da piccoli e grandi elettrodomestici, computer, cellulari, dispositivi elettrici ed elettronici. Una volta giunti alla fine del loro ciclo di vita, tali apparecchiature possono essere recuperate e riutilizzate, poiché composte da materie prime riciclabili o nobili. Tuttavia, possono anche contenere sostanze nocive, pericolose per l’uomo e per l’ambiente. Per questo motivo necessitano di una gestione particolare, definita in maniera molto precisa dalla normativa in vigore, per tutto ciò che concerne la raccolta, il trasporto e il trattamento.

Occorre, inoltre, considerare che i rifiuti appartenenti alla categoria RAEE sono in continuo aumento a livello globale, con un tasso di crescita annuo che si aggira attorno al 3-5%, una percentuale di circa tre volte superiore rispetto a quella dei rifiuti normali. Una fetta molto consistente di questi rifiuti speciali è costituita proprio dalle apparecchiature per l’illuminazione, che possono essere classificate in due grandi categorie:
  • sorgenti luminose, che comprendono tubi fluorescenti, lineari e non, lampade fluorescenti compatte non integrate, lampade fluorescenti a risparmio energetico compatte integrate, lampade a bassa o alta pressione, lampade a scarica ad alta intensità;
  • apparecchi di illuminazione, che includono lampade, plafoniere, faretti a LED, applique e faretti a luce alogena.

La fase di raccolta di tubi fluorescenti precede quelle fondamentali del trattamento e del riciclo: i rifiuti RAEE possono contenere materiali anche molto inquinanti, come il mercurio, contenuto in alcuni tipi di lampadine. Per questo motivo è fondamentale una differenziazione di questi rifiuti, che non possono in alcuna maniera essere assimilati ai rifiuti solidi urbani: un corretto smaltimento di questi prodotti, infatti, riduce notevolmente il pericolo di inquinamento e contaminazione e salvaguarda la salute dell’uomo e dell’ambiente circostante.
 
 
 
 
tubi fluorescenti